Skip to Main Content

Giornalismo politico e radiotelevisivo

Docenti: Marco Frittella e Giacomo Rossi

SSD: SPS/08

CFU: 6 o 12

Orario delle lezioni:

Modulo A: I semestre, lunedì 9-12, Aula  P22. Le lezioni avranno inizio il 2 ottobre.

Modulo B: II semestre

 

MODULO A:

I semestre

Docente: Giacomo Rossi

Obiettivi del corso:

Ci si propone – dopo una introduzione di carattere generale a nozioni di storia politica recente e di diritto costituzionale e parlamentare – di fornire gli strumenti di base per il lavoro giornalistico ai tempi di internet e dei social network.

Programma:

Cenni di diritto costituzionale e parlamentare

  • Rappresentanza e decisione. I sistemi elettorali: proporzionale, Mattarellum, Porcellum, Italicum.
  • Il Parlamento e la formazione delle leggi. Bicameralismo perfetto, monocameralismo, bicameralismo funzionale.
  • I regolamenti di Camera e Senato e gli atti di sindacato ispettivo: interpellanze , interrogazioni, question time
  • Il governo: i poteri del Presidente del Consiglio, il rapporto con il Parlamento, la decretazione d’urgenza e le leggi delega
  • La Repubblica delle Autonomie. Regionalismo, federalismo, devolution. Riforma del Titolo V. 

La Comunicazione Nelle Campagne Elettorali Della Seconda Repubblica

  • Dalla prima alla seconda Repubblica. Vecchi e nuovi partiti a confronto.
  • Da Tangentopoli ai nuovi protagonisti: Berlusconi e Prodi, Fini e Bossi, D’Alema, Renzi e Grillo.
  • Le elezioni politiche del ’94,’96, 2001, 2006, 2008, 2013
  • La mutazione della comunicazione politica, dalla televisione ai social network

Il Giornalismo Politico E La Comunicazione Istituzionale Ai Tempi Dei Social Network

  • I nuovi strumenti del lavoro giornalistico
  • Fonti e dati per il giornalista
  • Metodi di scrittura per il web
  • Social e web nelle pubbliche amminsitrazioni

Bibliografia:

Michele Sorice, La Comunicazione Politica, Carocci 2011

Eventuali integrazioni/indicazioni per gli studenti non frequentanti:

S. Colarizi, Storia politica della repubblica, Laterza 2007

 

MODULO B:

II semestre

Docente: Marco Frittella

Obiettivi del corso:

Ci si propone – dopo una introduzione di carattere generale a nozioni di storia politica recente e di diritto costituzionale e parlamentare – di fornire gli strumenti per la conoscenza dell’informazione politico-parlamentare in Italia soprattutto in riferimento al rapporto tra giornalismo televisivo e vita politica dal 1954, anno di avvio del telegiornale pubblico, ai giorni della cosiddetta Seconda Repubblica.

Programma:

1. L’atipicità della notizia politica

Il rapporto tra il racconto della politica e la “verità” della politica. I fatti separati dalle opinioni o le opinioni a prescindere dai fatti: due modelli a confronto. Dai “millecinquecento lettori” di Enzo Forcella alla Web-Democracy: le conseguenze sul giornalismo politico della disintermediazione nel rapporto leader-elettori.

2. Come nasce una notizia politica

I luoghi. Montecitorio, il Transatlantico e la sala stampa ieri e oggi. Palazzo Madama, Palazzo Chigi, Quirinale, Consulta e altri palazzi delle istituzioni; le sedi dei partiti. Le fonti. Il rapporto con i protagonisti e con gli addetti stampa. Il clima informale del Transatlantico e i problemi deontologici connessi. Le agenzie di stampa. Il pack journalism. Lobbismo e informazione parlamentare. Il Web 2.0: Twitter, Facebook, i blog dei politici.

Excursus. Dalla prima alla seconda Repubblica. Il tramonto dei comizi e dei congressi. La spettacolarizzazione della politica. Da Craxi a Berlusconi e Renzi: la personalizzazione del potere. Spin doctoring e marketing applicato alla comunicazione politica, i sondaggi. L’infotainment. La notizia in tempi di par condicio. Grillo e la Rete. Renzi e i social network.

3. Come si scrive una notizia politica

La notizia politica per la tv e la radio. L’obiettivo di una sintesi in poche righe completa e rapidamente comprensibile. Interpretazione e manipolazione.

Excursus. Il “politichese” della prima Repubblica. Il rinnovamento del linguaggio negli anni ’80. La comunicazione politica “pop” della seconda Repubblica.

4. Come si costruisce l’informazione politica in un telegiornale

Procedure e tecniche. Pastoni e veline; bidoni e panini. Nota politica e news analysis. Il retroscena. L’interazione tra web e tv per la costruzione della notizia. Le immagini e i sound byte dei politici nei servizi. La diretta: collegamento e telecronaca.

5. L’informazione politica nei giornali radio

Excursus. L’informazione politica nella radio pubblica post riforma. Le Mille Antenne all’assalto del monopolio. Il Gr2 di Gustavo Selva e il Gr1 di Sergio Zavoli. L’esperienza del caminetto di L. Zanetti con Cossiga. L’unificazione dei Gr e la nascita della rete radiofonica di all-news.

6. Sessant’anni di giornalismo politico radiotelevisivo

Excursus. Tv e politica in Italia dal 1954 ai giorni nostri. Contesto politico, equilibri di potere e informazione in radio e tv.

  • Da F. Guala a E. Bernabei: il monopolio pubblico dalla Ricostruzione al Centrosinistra come strumento di modernizzazione e di consenso. La nascita di Tribuna Elettorale e di Tribuna Politica. Il Tg di F. Fabiani. TV7.
  • Anni ’70. Nuovi fermenti e crisi politico-sociale. La riforma RAI del 1975. Pluralismo delle idee e lottizzazione. L’informazione politica dei
  • telegiornali RAI. Il “caso” del XIII Congresso della DC. I 55 giorni di Moro.
  • Gli anni ’80, dalla nascita della tv commerciale fino al duopolio. La legge Mammì. L’informazione politica di Mediaset: da “Parlamento In” ai telegiornali. La concorrenza Tg1-Tg5.
  • Il trauma di Tangentopoli, le dirette da palazzo di Giustizia, il protagonismo mediatico delle procure.
  • Il ventennio berlusconiano. Il conflitto di interessi. La par condicio. La legge Gasparri. Lo scontro sull’informazione politica in tv e nei talk show.
  • Crisi economica, governi tecnici e informazione politica.
  • Dalla cassetta VHS di Arcore al Blog di Grillo al primo messaggio You Tube di M. Renzi.

7. L’informazione politica in tempo di elezioni

Excursus. Analisi di alcune campagne elettorali della seconda Repubblica dal 1994 al 2014.

Bibliografia:

Giulia Guazzaloca, Una e divisibile – La RAI e i partiti negli anni del monopolio pubblico (1954-1975), Le Monnier, 2011.

Eventuali integrazioni/indicazioni per gli studenti non frequentanti:

I. Diamanti, Democrazia ibrida, Laterza 2014.

 

Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2017