Skip to Main Content

Storia della lingua italiana

Docente: Pietro Trifone

SSD: L-FIL-LET/12.

CFU: 6

Orario Lezioni

I semestre: lunedì 15/17 aula T23A; mercoledì 10/12 aula T23A; venerdì 11/13 aula T23B. Le lezioni inizieranno l’11 novembre.

 

Modulo A – 2019-2020 – Primo semestre

Prerequisiti

Cognizioni basilari sulla storia e sulla struttura della lingua italiana. Per gli studenti di lingua madre straniera è richiesto il livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

Obiettivi

OBIETTIVI FORMATIVI:

Conoscenza approfondita di vicende, temi, metodi e strumenti della linguistica italiana.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI

Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio erogante previsti dalla scheda SUA-CdS, l’attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente conoscenze approfondite intorno a vicende, temi, metodi e strumenti della linguistica italiana, e capacità di applicarle proficuamente all’’italiano.

Programma

Storia linguistica di Roma.

Criteri di valutazione:

Esame orale: sono oggetto di valutazione i contenuti disciplinari e l’adeguatezza dell’esposizione.

Per ottenere un voto complessivo tra il 27 e il 30 e lode studentesse e studenti dovranno possedere e sapere comunicare una visione organica dei temi affrontati a lezione e/o studiati sui manuali e i testi critici in bibliografia (soprattutto per i non frequentanti); dimostrare una eccellente capacità di espressione e argomentazione; servirsi con competenza del linguaggio tecnico. Una votazione complessiva tra il 23 e il 26 sarà attribuita a coloro che dimostreranno: una buona conoscenza del programma; una buona proprietà di linguaggio con qualche incertezza nell’ esposizione e/o imprecisione nell’ uso del linguaggio tecnico. Una conoscenza accettabile ma sommaria del programma, una comprensione superficiale dei testi e un’ espressione non sempre appropriata condurranno a valutazioni appena sufficienti (tra il 18 e il 22). Scarsa conoscenza e comprensione dei contenuti del programma, incapacità di stabilire collegamenti, espressione scorretta o inappropriata daranno luogo a una valutazione negativa.

Testi adottati

1) P. Trifone, Roma e il Lazio, Torino, UTET, 1992.

Volume reperibile in:

https://www.academia.edu/15932159/Roma_e_il_Lazio_intero_volume_1_

https://www.academia.edu/15954140/Roma_e_il_Lazio_intero_volume_2_

2) Tre articoli di P. Trifone reperibili nello stesso sito www.academia.edu:

- Tera se scrive co’ ddu ere, sinnò è erore. Nuovi appunti sullo scempiamento di rr in romanesco;

- Come si dice a Roma;

- Cor cacchio. Dire no in romanesco.

3) Un articolo di P. Trifone fornito dal docente:

Forestieri in Vaticano nel Trecento. Un testo misto e il diasistema romanesco-mediano, in «Carte di viaggio» 6, 2013, pp. 9-21.

 

 

Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2019