Skip to Main Content

Prova finale

La prova finale per il conseguimento della Laurea magistrale consiste nella discussione di una tesi elaborata in modo originale dallo studente. Tale tesi può essere costituita da un lavoro scritto o anche da un elaborato multimediale su un tema assegnato su tematiche connesse al suo Settore Scientifico Disciplinare, di norma, da uno dei docenti del Consiglio del Corso di Laurea magistrale, che svolge il ruolo di Relatore. Il Consiglio può affidare il ruolo di relatore anche a Docenti esterni, su richiesta motivata del laureando o del suo tutor; in tal caso il Docente co-relatore dovrà essere un componente del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale.

Alla prova finale sono assegnati 18 CFU. Il numero cospicuo di CFU assegnato al lavoro di tesi dipende da due fattori: in primo luogo dalla necessità di verificare nel corso del lavoro l’acquisizione di una autonoma capacità di giudizio e di elaborazione, in secondo luogo, trattandosi di una attività di produzione libraria multimediale, lo studente sarà chiamato a mettere in atto tutte le conoscenze e le abilità acquisite durante il suo percorso di studio. Le modalità di stesura e presentazione dell’elaborato di tesi, si tratti di un elaborato cartaceo (in forma di libro) o di un prodotto multimediale, sono oggetto di specifiche norme (PDF, 148KB). Per rendere più semplice l’impaginazione degli elaborati, per quanti adottano il software LibreOffice (consigliato), abbiamo predisposto un modello (ODT, 68KB) con l’attribuzione corretta degli stili di pagina e di paragrafo.

La tesi di laurea deve essere richiesta dallo studente durante il secondo anno di corso, e precisamente in un periodo compreso fra i sei e i dodici mesi dalla data prevista per la discussione; fa fede della data di assegnazione della tesi una Lettera di assegnazione da consegnarsi al Presidente del Corso di laurea, recante la data, il titolo della tesi e le firme del Relatore e del Laureando.

Nel caso che la “finestra” cronologica per la discussione della tesi non sia rispettata (nel caso cioè che siano trascorsi meno di sei mesi o più di un anno dalla data di assegnazione) la tesi dovrà essere ri-assegnata.

In occasione della discussione della tesi i laureandi presenteranno alla commissione un breve abstract del lavoro redatto e stampato in due lingue oltre l’italiano.

Documenti

Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2016